Mercoledì 01 Ottobre
meteo Meteo
cinema Cinema
pubblicita Pubblicità
Home Attività Economiche Associazioni Notizie Articoli Link Contattaci
» Fiori Primaverili «
Salvia dei Prati (Salvia Pratensis)
Parente della salvia officinale, che cresce nei nostri orti e che ha un uso notevolissimo come pianta aromatica, la salvia dei prati non viene utilizzata in cucina, anche se le foglie più tenere si possono utilizzare nei minestroni. La salvia dei prati fiorisce in maggio con una bellissima spiga viola scuro.
 
Strigoli (Silene Vulgaris)
Pianta erbacea perenne, glabra, caratterizzata da fusti cespitosi e legnosi alla base, articolati con nodi ingrossati, che seccano quasi del tutto durante la stagione calda. Le foglie sono opposte, in corrispondenza dei nodi, carnosette, lineari-lanceolate, di colore verde pallido; se stropicciate tra le mani, esse emettono un particolare crepitio o sfrigolio (da qui il nome volgare Strigoli), simile a quello prodotto stropicciando le foglie della Verza o Cavolo cappuccio (da cui il nome Verzuli). Sul finire della primavera, si sviluppano gli scapi alla cui sommità si formano i fiori, penduli, su peduncoli flessuosi, riuniti in cime, caratterizzati da un calice subcilindrico, rigonfio, con nervature verdastre, che ricorda una minuscola brocca o un palloncino fessurato, da cui il nome dialettale Cannatedda ('cannata' = brocca) e quello volgare Bubbolini; il bubbolo, infatti, è il noto sonaglio ('ciancianedda') di ottone sferico e fessurato.
 
Muscari (Leopoldia Comosa)
Pianta erbacea vivace con un bulbo ovoideo di 2-4 cm di diametro, il fusto eretto, cilindrico, glabro è alto fino a 70 cm.
Le foglie 2-5 nascono dal bulbo, carnose, lunghe a volte anche più del fusto, ma normalmente più corte (40 cm) , sono lineari, eretto-patenti, tendenti ad afflosciarsi, cilindriche scanalate nella parte inferiore, si restringono superiormente fino ad una punta acuta.
I fiori sono raggruppati in un racemo terminale spesso più lungo di 20 cm, con fiori fertili inferiormente e sterili (il fiocco) all’apice. I fiori fertili iniziano a metà altezza dello scapo e sono inseriti con lunghi peduncoli all’ascella di piccole brattee, hanno una corolla cilindrica che termina con sei piccoli denti triangolari, sono di colore marrone-violaceo-olivastro, quando maturano si ripiegano verso il basso, i fiori sterili, sono più piccoli e di un bel colore azzurro-violaceo, densamente riuniti con i peduncoli incurvati verso l’alto.
I frutti sono capsule triangolari lunghe fino a 15 mm, che a maturità si aprono e lasciano cadere pochi semi


  [ Indietro ]  Stampa questa pagina  Invia questa pagina ad un amico

 
 

Attività Economiche
Numeri Utili
I Servizi
Storia e Cultura
Il Territorio
Cinema
Download
Link Consigliati
Il ghetto di Chieri
I Catari
I Templari a Chieri
I Re e gli Imperatori a Chieri
I Papi
Chieri nella Preistoria
Chieri nell'Epoca Romana
I Dolci
La Bagna Cauda
I vini tipici di Chieri
I Rubatà di Chieri
Iscriviti alla newsletter per ricevere gli aggiornamenti
Il Duomo di Chieri
A.S.D. Chieri Rugby
A.s.d. San Giacomo Chieri
Chieri Calcio
Paralimpiadi Torino 2006
Biglietteria Torino 2006
Olimpiadi Torino 2006
Addizionali IRPEF

 
 
 
Quale azione ritieni prioritaria per il Chierese?
edilizia abitativa
favorire nuovi insediamenti industriali
favorire la creazione di un centro direzionale per aziende di servizi
parcheggi e viabilità
riorganizzazione del centro storico
potenziare l'ASL
servizi sociali
 
Chieri