Venerdģ 20 Ottobre
meteo Meteo
cinema Cinema
pubblicita Pubblicitą
Home Attivitą Economiche Associazioni Notizie Articoli Link Contattaci
» Riva 'd Cher (Riva presso Chieri) «
Riva 'd Cher č na sgnora 'd campagna
e soa pian-a vėrda da la tčra ariosa
e r'é da meria e gan, raira taragna
centuriassion roman-a visadi bondosa.
 
Gesia, un paras e li davsin doi pont
e peui vairi cassin-i, pais d'om fier,
certi mercant an Fransa per so cont
o butą man ai tlé pėr la teira 'd Cher
 
na festa pėr coj tėssior na vira a l'ann,
ciucianati o ambossor a son ij riveis
Hai dėscurbi che a-i é la festa 'd s. Alban
e che beli ancheuj a r'ha ancor so peis.
 
Han contame dėr massé grņss e col cit,
cucąnd doi cassiné pėr borgą
e dij singh masną e un sėr cher, drit,
caplin-a 'd paja a contč stranņt prontą
 
E 'd cola cobia 'd can gropą al giuet
che as na stan pasi dņp al segn 'd cros
ma a torno pen-a largą a fé ij gramet!
A r'é nen n'afé che a sa 'd miracolos?
 
E peui pan ed la caritą e feu ch'a san-a,
as gionto 'n festa soe borgia e frassion.
An S.Gioann e Madņna dra Fontan-a
e da dla cola dla Ror e 'r Tamangnon
 
A passo j'evi sota ij so storich murin,
han portass via storii veje e ji stranom
ma Riva a derub ij brass slarga ij confin
e 'l cioche e cheuj neuvi levi e neuvi ņm
 
Al son dij so antich cant piemontčis,
musica faita con lisori e nos o cuchije,
na cana, nė siass, na viessia, povri arneis
gavą da la desmentia dj ņm e... benedie!

Riva presso Chieri č una nobildonna di campagna
e i suoi possedimenti (pianura) verdeggianti dall'ampio
respiro / sono adatti alla coltura del granturco e
del grano non propriamente della vite / tracce di
centuriazione romana dimostrano la sua fertilitą.

Accanto alla chiesa e il palazzo (Grosso – ex casa
privata) c'erano due ponti / e diverse cascine- paese
costruito da gente dinamica / č documentato che noti
mercanti francesi provenivano da qui / o si erano
dedicati a tessere la tela a Chieri

si tiene ancora una festa commemorativa / i rivesi erano
identificati come succhiarappi o imburi / ho scoperto
che qui festeggiano S. Albano / e che tutt'ora č una festa
di grande rilevanza

sono venuta a conoscenza della presenza di massari
piccoli e grandi / vengono scelti due contadini del
centro paese e due dalle borgate / pił cinque scolari
di cui uno sale sul carro / col cappello da contadino
che di rito declama gli strambotti

una coppia di cani imbrigliati in un giogo
che depongono la ferocia in seguito ad una particolare
benedizione (segno della croce) ma una volta liberi
tornano alla loro vera natura (irrequieta)
di per sé č un fatto curioso (miracoloso)

viene distribuito il pane della caritą e si fa un mistico
falņ / a cui si aggiungono gli abitanti di borgate e
frazioni / da un lato S. Giovanni e Madonna della
Fontana / dall'altro Madonna della Rovere e
Tamagnone

scorrono le acque sotto gli storici mulini
che hanno trascinato con sé vicende antiche e
soprannomi / ma Riva č aperta e si sta estendendo
il suo campanile richiama nuove leve e persone di ogni
provenienza

al suono dei suoi gradevoli vecchi canti popolari
(locali) accompagnati da una musica creata con
 nocciole – noci o conchiglie - / una canna – un setaccio
una vescica animale seccata – attrezzi di scarso valore
che sono stati rivalutati (salvati) dalla noncuranza
generale  e che il consenso ha ribattezzati (benedetti)

Adriana Comollo

 

  [ Indietro ]  Stampa questa pagina  Invia questa pagina ad un amico

 
 

Attivitą Economiche
Numeri Utili
I Servizi
Storia e Cultura
Il Territorio
Cinema
Download
Link Consigliati
Il ghetto di Chieri
I Catari
I Templari a Chieri
I Re e gli Imperatori a Chieri
I Papi
Chieri nella Preistoria
Chieri nell'Epoca Romana
I Dolci
La Bagna Cauda
I vini tipici di Chieri
I Rubatą di Chieri
Il Duomo di Chieri
A.S.D. Chieri Rugby
A.s.d. San Giacomo Chieri
Chieri Calcio
Paralimpiadi Torino 2006
Biglietteria Torino 2006
Olimpiadi Torino 2006
Addizionali IRPEF

 
 
 
Quali argomenti, relativi al Chierese, vorresti che venissero approfonditi?
eventi culturali
tempo libero
sport
politica
cronaca
altro
 
Chieri